Più di una semplice strada

Una meta quasi obbligatoria per chi visita l’Australia e il fantastico stato del Victoria. La Great Ocean Road è una strada che parte dalla cittadina di Torquay e si estende per 243 km fino a  Allansford.

Ci troviamo a sud del paese, in una zona dove il clima cambia ogni 7 minuti e le foreste di eucalipto da un lato e l’oceano dall’altra fanno da scenario ad una delle strade panoramiche più emozionanti del mondo. Spiagge di sabbia e scogliere ripide scolpite dal vento e dalla forza dell’oceano, natura selvaggia e luoghi unici come i Dodici Apostoli.

Quello che rende però speciale la Great Ocean Road però non è soltanto questo. Come ogni cosa in Australia anche una strada racchiude un senso più profondo, nasconde una storia.

Questa storia inizia nel 1919 al termine della prima guerra mondiale. Prima di allora non esisteva una strada costiera, l’unica via era la strada attraverso il bush. Fu allora affidata la costruzione di una via costiera ai soldati in ritorno dal conflitto. Una delle particolarità che mi ha colpito è che questa strada è stata costruita “a mano”, armati solo di piccone e poco altro. Una strada che non solo offriva un’alternativa costiera alle altre strade, ma un simbolo dedicato chi non era tornato dalla guerra. La Great Ocean Road infatti è considerato il più grande memoriale del mondo.

Il termine dei lavori è datato 1932, tutto sommato non così tanto tempo tenendo presente i mezzi con cui è stata realizzata. Prima che diventasse statale, la strada era soggetta ad un pedaggio. Il prezzo del pedaggio era calcolato a persona, quindi qualche furbo pensava bene di far scendere qualche passeggero e riprenderlo lontano da occhi indiscreti. Purtroppo per loro però ad attenderli c’era sempre chi controllava, e a volta pronto all’inseguimento, chi tentava di fare il furbo.

Oggi non esiste pedaggio e la Great Ocean Road rappresenta una delle icone dell’Australia, il mio consiglio quindi è quello di godersi lo spettacolare panorama, fermarsi nei paesini caratteristici, sorvolare in elicottero i Dodici Apostoli, tutto questo ricordando che stiamo percorrendo una via realizzata da uomini coraggiosi, che hanno dedicato i loro sforzi ad un’opera unica, simbolo di pace e di unione.

 

add your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.